Viterbo, Lazio IT

Views : 257
Category : Carcere Italia

Nicolai Lilin entra nel carcere maschile di Viterbo mostrando brevemente la fragilità di alcuni detenuti:
Ovidio, Umberto, Loredano e Luca Bianchini (soprannominato dai media lo stupratore dei garage). Chi sex offender, chi in timore per la propria incolumità; ognuno con la difficoltà di una prospettiva grigia ed insipida legata alla privazione (anche a vita) della libertà.
L’agente Luca Floris e la direttrice Teresa Mascolo accompagnano la visita di Lilin all’interno della struttura detentiva.